Tribunale di Genova
consulenza anatocismo genova | perizia anatocismo su mutuo | perizia econometrica conto corrente

Verifica Usura | oneto pierluigi francesco | Tribunale di Genova

Tribunale di Genova

ANGOLO DEL LEGALE

Ordinanza del 05.12.2016

 

Il Tribunale, con l’Ordinanza in commento, ha pronunciato alcune statuizioni due statuizioni molto importanti.


La prima è che il tasso di mora ritenuto che anche gli interessi di mora debbano sottostare il limite del rispetto del c.d. tasso soglia, in linea con quanto affermato dalla Suprema Corte n. 350 del 9.1.2013 e che il tasso soglia di raffronto deve essere individuato in quello dalle rilevazioni trimestrali senza aumento di 2,1 punti percentuali posto che tale aumento non trova alcun fondamento né scientifico (facendo riferimento ad una rilevazione effettuata una tantum e mai più ripetuta) né normativo (introducendo la tipizzazione di un diverso tasso soglia per tipologia di interesse invece che per categoria di credito come normativamente previsto) né può giustificarsi per ragioni di omogenietà posto che una volta determinato il TEGM secondo le istruzioni della Banca di Italia l’interesse moratorio deve comunque trovare collocazione entro il margine di aumento dello stesso che definisce il tasso soglia.


La seconda è che il C.T.U. nel verificare il superamento del tasso soglia deve tener conto, fra i molteplici scenari di mutamento del piano di rimborso, per effetto di morosità, quale sia quello caratterizzato dal TAEG massimo per poi raffrontarlo con il tasso soglia. La ragione di ciò risiede nel fatto che la verifica dell’usura deve avere ad oggetto un tasso effettivo annuo rapportato al capitale erogato, atto ad esprimere il costo del finanziamento, e ciò sia nel quadro di un andamento fisiologico del rapporto sia nel quadro di ogni possibile alterazione del piano di rimborso per effetto di morosità.
 

SCARICA IL PDF